Archive for September, 2010

Ostalgie

Ed Miliband, 41 anni, nuovo leader dei labouristi inglesi. Con un programma che riporta il partito a sinistra.
E noi rincoglioniti davanti a Internet ad aspettare il videomessaggio di Fini sulla casa di Montecarlo (che poi, manco fosse Bin Laden).

4 Comments

operazione sunshine

Ci sono malinconiche giornate preautunnali piene di lavoro e di ricordi dell’estate in cui pensi che niente ti farà tornare il buon umore. Come sempre ti sbagli: basta andare dal parrucchiere e incappare nel Premio internazionale della fedeltà canina.

1 Comment

Ti amo da generazioni

Oggi mi sono innamorata. Non succede spesso e soprattutto non dura quasi mai molto.
Ma lui lo amavo già prima di vederlo, e lo amerò per sempre, ora anche di più.

4 Comments

warning sign

Ho un metro infallibile per misurare il mio tasso di stress: il rapporto con la moto.
Ci sono mattine in cui ho paura di tutto, dei vecchietti che zigazagano sulle cinquecento e dei camioncini che svoltano all’improvviso, delle mamme coi bimbi in bicicletta e degli automobilisti che aprono le portiere senza guardare.
Stamattina, mentre mi sfavavo tra un prima-seconda-terza-prima, mi sono ritrovata a pensare che forse avrei dovuto prendere la metro per andare in redazione, ché il centro è troppo pericoloso.
Stasera alle 23 spengo il computer, giuro, e mi metto a leggere un buon libro.

2 Comments

recovery

Poi di prima mattina l’iPod mi ha tagliato le gambe con Let Down mentre sceglievo cereali in scatola dallo scaffale. Non mi sono ancora ripresa: colpi bassi che non si dimenticano in fretta.

No Comments

amnesie

Tremonti intervistato da Massimo Giannini, Repubblica. Due pagine, domande lunghe tre righe, risposte lunghe quindici. Il ministro sta elencando (da 1.500 battute almeno) quello che il Governo ha in serbo per rivitalizzare l’autunno economico del Paese quando arriva il climax: Ma ci sono mille altre cose da fare sulle regole. Le opere pubbliche costano il doppio e si fanno se va bene nel doppio del tempo.
S
tringo il giornale più forte in mano, godendo della stilettata che  Giannini sta per sferrare (perché questo culo non capita mai a me? Uffa, perché?); è così facile che potrei averla scritta io: Le opere costano il doppio se le si fanno fare a Balducci.
E invece no. Accidenti no. Non so come è possibile ma no.
Ministro, se è tutto qui quello che avete da offrire al Paese per la ripresa d’autunno c’è da preoccuparsi…
Ci sono due pagine del Corriere oggi con nuove indiscrezioni sulla Cricca, il nome di un Berlusconi appena saltato fuori (anche sull’edizione odierna di Repubblica), un ministero ancora vacante ma il vicedirettore ritiene che chiedere un chiarimento a Tremonti annoierebbe il lettore. Figuriamoci. 

No Comments

atomic sons

Ieri sera il Fur mi ha portato a cena per festeggiare il mio nuovo lavoro. Mentre ingolliamo tartare di tonno con carciofi e morellino di scansano se ne esce: Sai mi sto interessando un po’ di fisica quantistica.
Un carciofo mi va di traverso. Prego?
Fisica quantistica, hai presente?
Scrollo il capo, io fiera che la cameriera mi abbia chiesto il nome del mio parrucchiere poco prima. Già, insegnare economia all’università di Londra e l’assegno di ricerca a Chicago non erano sufficienti, Fur, ci mancava la fisica quantistica.
No ma guarda, è molto affascinante.
Davvero? Tipo cosa è affascinante?
Bè, tipo che è dimostrabile che possano esistere universi paralleli.
Ah.
Così capito, se in questa vita non ti riesce di fare dei figli, puoi sempre provarci in quella parallela.
Uh. Dammi il nome del manuale, che inizio a documentarmi.

2 Comments